Architettura e colori: le opere psichedeliche di Markus Linnenbrink

Markus Linnenbrink è un artista di origini tedesche, che vive e lavora a New York.
Le sue opere, realizzate quasi unicamente attraverso l’uso di pigmenti secchi, fissati attraverso delle specifiche resine – sebbene inizialmente utilizzasse principalmente i colori ad olio – si caratterizzano per l’uso geometrico ed emozionale del colore.
Attraverso la rappresentazione di geometrie ripetitive, l’artista fa sì che lo sguardo dello spettatore si posi su tutto lo spazio, che, grazie a un gioco ottico, sembra dilatarsi all’infinito, senza limiti definiti.
Gli ambienti nei quali l’artista interviene perdono quindi i confini e diventano dei veri e propri tunnel di sensazioni e di emozioni per chi vi si trova immerso.

Architettura e colori: le opere psichedeliche di Markus Linnenbrink Architettura e colori: le opere psichedeliche di Markus Linnenbrink Architettura e colori: le opere psichedeliche di Markus Linnenbrink

È quasi ironico pensare che un artista come Linnenbrink, che ha fatto del colore uno dei suoi tratti peculiari, abbia iniziato la propria carriera artistica quasi unicamente attraverso l’utilizzo del bianco e del nero. Egli stesso ammette, infatti, che il colore, proprio grazie al forte impatto emotivo che esso suscita, lo spaventava. Pare che sia stato un viaggio in Italia a dargli l’ispirazione per passare all’utilizzo dei cromatismi intesi che possiamo vedere oggi nelle sue creazioni e che hanno reso inconfondibili le opere dell’artista.

Oggi, dichiara, non potrebbe fare a meno di usare i colori, che considera come le note all’interno di una melodia: l’ordine col quale disporli, quindi, non è mai casuale, ma segue la specifica “musica” di Linnenbrink, con ritmi e toni unici di volta in volta.

Architettura e colori: le opere psichedeliche di Markus Linnenbrink
Tra le sue opere più spettacolari e più caratteristiche della sua carriera artistica, non possiamo non pensare al suo intervento per la Kunsthalle di Norimberga: camminare per il noto spazio espositivo si trasforma grazie all’opera in un’esperienza psichedelica, dove le pareti bidimensionali sembrano acquisire nuova profondità, in uno spazio che si dilata e si trasforma.

Architettura e colori: le opere psichedeliche di Markus Linnenbrink

Fonte immagini: Markus Linnenbrink

Commenti

commenti