Posts From Redazione Thesignofcolor

Quarantena: i musei sfidano i social 

Rimanere a casa per combattere la diffusione del Coronavirus. L’abbiamo fatto tutti, consapevoli che il nostro contributo è importante per la nostra salute e per la salute dell’intera collettività. Per contrastare l’apatia e passare qualche momento più spensierato, usando la fantasia, il Getty Museum di Los Angeles e il Rijksmuseum di Amsterdam hanno rilanciato la sfida partita dall’account Instagram @tussenkunstenquarantaine: ricreare il proprio capolavoro preferito. Troppo complicato? No, perché la

Orcio della gratitudine: intervista ad Angela Lobascio


Un orcio artistico disegnato con cura e lavorato a mano da ceramisti pugliesi. L’idea del concept per l’orcio in ceramica Terradiva nasce dalla volontà di trasmettere un messaggio positivo ed essere riconoscenti per le piccole cose che ci vengono donate nella vita di tutti i giorni: i prodotti della terra, un lavoro che dona soddisfazione, la famiglia al proprio fianco o l’affetto di una persona speciale. Sulla bottiglia è presente

Campania: marrone ambrato come il Babà

La Campania è una regione del Sud Italia, terza per numero di abitanti, la più popolosa dell’Italia meridionale e la prima per densità. Terra del mezzogiorno preferita dai turisti, si conferma sempre più una delle mete più ambite dagli stranieri. Incuneata tra il mar Tirreno, a ovest, e l’Appennino meridionale, a est, la regione confina a nord-ovest con il Lazio, a nord con il Molise e a est con Puglia

Il Coronavirus raccontato dalla Street Art

L’arte non resta a guardare e continua a raccontare la realtà a modo suo. Artisti di ogni parte del mondo si sono mobilitati per rappresentare da diversi punti di vista il Coronavirus attraverso le loro opere. In questo articolo abbiamo raccolto le immagini delle creazioni più interessanti. Si chiama Sweet Home e ritrae la celeberrima famiglia Simpson al completo, seduti sul divani davanti al televisore, e muniti di mascherine. L’opera

Colorifici italiani: Alberto Montagnini

Si chiama Alberto Montagnani e lavora come responsabile di un laboratorio chimico ed è il protagonista del nuovo appuntamento dedicato al nostro consueto viaggio nei colorifici italiani. Qual è stato il tuo percorso di studi? Il mio percorso scolastico è stato, di fatto, molto breve avendo conseguito la licenza media per poi entrare da subito nel mondo del lavoro: questo è stato per me il vero banco di prova attraverso

Pavimenti a spina di pesce: italiana o ungherese?

La posa del pavimento a spina di pesce è sicuramente tra le opzioni più eleganti che potreste scegliere per la vostra casa. Annoverata tra le invenzioni più antiche, e senza tempo, in fatto di design, possiamo ritrovare questa trama addirittura nella Reggia di Versailles. Si tratta di una particolare posa in cui i listelli in ceramica, una volta accostati l’uno all’altro, formano un disegno a forma di lisca di pesce.

Lazio, viola come i riflessi del carciofo romano

Il Lazio è una regione prevalentemente collinare. Il suo territorio, estremamente variegato, si estende tra gli Appennini e il mar Tirreno, le pianure si trovano in prossimità dei litorali costieri. Ci troviamo di fronte a una miscela esplosiva di bellezza. Possiamo identificare paesaggisticamente almeno quattro aree: Viterbo e la Tuscia, i paesi intorno a Roma e alla costa sud fino al Circeo, la Ciociaria e la Sabina. Attraversando questa regione

Bussana Vecchia, il borgo degli artisti

È un suggestivo borgo medievale, una frazione collinare nascosta nel comune di Sanremo, in Liguria, ed è famoso per essere molto amato dagli artisti. Parliamo di Bussana Vecchia, luogo pieno di fascino che racchiude tra le sue piccole strade una storia che sembra uscita da un romanzo. Il racconto parte un triste mercoledì delle Ceneri del 1887, più precisamente il 23 febbraio, ore 6:21, con una terribile scossa di terremoto.

Viaggio nei colorifici italiani: Marco Florini

Continua il nostro viaggio nei colorifici italiani. Abbiamo incontrato per voi Marco Florini, responsabile della qualità. Cosa ci avrà raccontato? Qual è stato il tuo percorso di studi? Mi sono diplomato nel 1991 come perito in telecomunicazioni e, volendo raggiungere il prima possibile la mia indipendenza economica, ho deciso di non continuare gli studi. Dopo essermi goduto l’ultima estate di vera vacanza, a settembre lavoravo già. Come sei arrivato a