Breaking news
  • Nessun post trovato

Arte della ceramica

Il surrealismo di Johnson Tsang

Johnson Tsang è uno straordinario scultore nato a Hong-Kong e famoso già dai primi anni ’90. L’artista, che tuttora vive e lavora nella regione amministrativa speciale cinese, è considerato un vero e proprio maestro nel forgiare acciaio e ceramica. Dal 1993 ha iniziato a esporre le sue opere, soprattutto nei paesi asiatici, come Corea, Taiwan, ma anche in Spagna e in Svizzera. In poco tempo, il suo lavoro ha raggiunto un

Le ceramiche di Terry Davies

Terry Davies, classe 1961, nato a Shrewsbury, Shropshire, Regno Unito, è un talentuoso e apprezzato ceramista. Il suo apprendistato è iniziato alla fine degli anni ’70 in un laboratorio che seguiva la tradizione di Bernard Leach. All’età di 18 anni, realizzava già 50 tazze, al tornio, all’ora. L’addestramento fu molto duro ma, alla fine, Terry riuscì a fare proprie tutte le abilità apprese in quei primi anni e che, da

Le straordinarie ceramiche di Katsuyo Aoki

Katsuyo Aoki, nata a Tokyo nel 1972 , è una scultrice e ceramista giapponese. A ventisei anni, dopo essersi laureata in pittura alla Tama Art University, si è esibita alla Kanagawa Prefecture Gallery”, la galleria d’’arte pubblica più famosa di Yokohama. Questa grande occasione le ha permesso di far conoscere, per la prima, volta il suo talento e le sue opere artistiche. Tre anni più tardi, finita la specializzazione in ceramica, realizza

La ceramica inquietante di Ronit Baranga

Fuori dal comune! È questo il primo commento che salta alla mente guardando le opere di Ronit Baranga, artista israeliana, laureata in psicologia e letteratura ebraica all’Università di Haifa e in storia dell’arte all’Università di Tel-Aviv. Le sue sculture in ceramica inquietanti, ma anche ipnotiche, misteriose, nascondono una forte sensualità. Dita e bocche umane, maschere bianche, volti nascosti: l’immagine delle sue creazioni è forte e cerca un impatto dirompente con

Le ceramiche di Niharika Hukku

Ha girato il mondo e ne ha assaporato le sue culture, lo ha girato in lungo e in largo traendo da questo ispirazione. Dopo aver vissuto in India, Indonesia, Singapore e Nuova Zelanda, si ferma a Sydney dove vive e lavora. Parliamo di lei, l’artista Niharika Hukku. Un trascorso da artista durato più di dieci anni; un’esperienza migrata verso gli orizzonti della ceramica. Niharika Hukku, che oggi spazia dalla pittura

Kate Malone, la ceramica diventa arte

La natura è la sua principale fonte d’ispirazione: il mare e la terra sono per Kate Malone un pozzo inesauribile di idee, forme e colori. Ma le sue creazioni nascono anche da uno studio accurato della storia della ceramica e dai suoi innumerevoli viaggi. Kate Malone, classe 1959, è nata a Londra ed è tra le ceramiste contemporanee più importanti e apprezzate grazie a un illustre carriera che dura da

Le ceramiche di Haejin Lee

La ceramista Haejin Lee crea sorprendenti sculture che si dissolvono davanti ai nostri occhi. L’artista utilizza colori delicati e tenui, che mostrano l’essenza più preziosa delle sue raffinate creazioni. Spesso realizza forme umane che sembrano liberarsi dalla gabbia rappresentata dalle fasciature. “Sezionare una scultura su cui ho passato ore è un’esperienza distruttiva, ma mi dà anche una sensazione di formicolio alla colonna vertebrale. Mentre lavoro l’argilla, creare una bella comunicazione visiva è

Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti

Il Kintsugi, letteralmente riparare con l’oro, è una pratica giapponese che consiste nell’utilizzo di oro e argento liquido per riparare ceramiche rotte, di cui abbiamo già parlato con il Dott. Emanuele Tomasini. Quanti oggetti rompiamo, e spesso buttiamo via, senza provare a recuperarli? Dall’utilizzo di questa tecnica nasce la collezione Kintsugi per Seletti lanciata alla Maison Et Objet 2108 e firmata dal designer italiano Marcantonio. Le creazioni sono impreziosite dalle

Ceramica porta fortuna: il Pumo pugliese

Il Pumo in ceramica è frutto di un’antica tradizione artigianale che racchiude un prezioso messaggio. È un bocciolo circondato da foglie d’acanto che simboleggiano la primavera e la rinascita della natura, simbolo di energia e rinnovamento. Il nome prende la sua origine dal latino pomum, che vuol dire “frutto”, e richiama il culto della dea latina Pomona, protettrice dei frutti, dell’ulivo e della vite. Il Pumo, simbolo di prosperità e