Elena Salmistraro, eclettica artista e designer, classe 1983, vive e lavora a Milano. Dopo la laurea al Politecnico di Milano nel 2009, insieme all’architetto Angelo Stoli, fonda il proprio studio dove, da allora, lavora a progetti di architettura e design. Accompagna però a questa attività diverse collaborazioni in qualità di product designer e artista / illustratrice per aziende leader nel settore creativo, tra cui Alessi, Lavazza, Bosa, Seletti, De Castelli, Cc-Tapis, Timberland, Replay, LondonArt, Lithea, Bitossi Home, LuisaViaRoma, Yoox, NasonMoretti , Massimo Lunardon, Texturae, Stone Italiana, MyHomeCollection e tanti altri. Inoltre, collabora con prestigiose gallerie d’arte e design, come Dilmos, Rossana Orlandi, Camp Design Gallery, Subalterno1 e Secondome.

Il suo è uno stile personale e riconoscibile, lontano dal tipico minimalismo milanese, fortemente caratterizzato dal pop surrealista e condizionato da elementi etnici. Coloratissimo, onirico, visionario e ironico: questi sono di certo gli aggettivi più adatti per descrivere le opere della giovane artista.

«Faccio molta ricerca sulle culture del mondo. Adoro i personaggi dai colli lunghissimi, i lobi dilatati. Mi guardo sempre intorno e mi ispiro a tutto. Tranne che agli oggetti di design: non voglio condizionamenti. Mi piacciono molto anche gli oggetti dallo stile un po’ rétro, che a volte si trovano nei mercatini. Li compro e poi li trasformo.»

Elena Salmistraro trasforma tutto quello che la ispira. Ama disegnare e dipingere oltre che realizzare oggetti come vasi, piatti, carte da parati, tappeti. Primates è il nome della sua ultima collezione di vasi in ceramica, ma anche di piatti e maschere decorative, realizzati per Bosa. Si tratta di una reinterpretazione delle ceramiche dell’antica Roma, ma anche di un richiamo al rapporto fra uomo e scimmia.

Degne di nota sono le divertenti e contemporanee carte da parati realizzate per la Yarn Collection di Texturae, caratterizzate da uno stile grafico ricco di particolari, un’autentica esplosione di creatività e ispirazione. La giocosa e coloratissima serie di rivestimenti murali nasce con l’obiettivo di liberare l’arte da musei e gallerie, consentendole di invadere il quotidiano, sublimando il tradizionale wallpaper.

Le sue creazioni sono il risultato di una combinazione di arte e design; la massima cura per i dettagli, la scrupolosa ricerca dell’armonia delle forme e lo stile poetico caratterizzano i suoi progetti. Una delle priorità del suo lavoro è la ricerca del linguaggio espressivo degli oggetti, che può affascinare le persone evocando emozioni.

I suoi progetti sono stati selezionati per alcune delle mostre d’arte più importanti. Ricordiamo la “The New Italian Design”, mostra itinerante organizzata dal Triennale Design Museum di Milano e a cura di Silvana Annicchiarico e Andrea Branzi, con tappe a San Francisco, Santiago de Cile, Città del Capo; il “The New Aesthetic Design” alla Biennale di Shanghai 2013 per Triennale Design Museum e al 2015 alla Biennale di Gwangju, Corea del Sud. Nel 2016, durante la XXI edizione dell’Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, ha preso parte a W-Women in Italian Design, la nona edizione del Triennale Design Museum. Nello stesso anno, durante l’evento artistico “Normali meraviglie La Mano” a cura di Alessandro Guerriero e Alessandra Zucchi, dipinge una mano disegnata dall’artista Mimmo Paladino, esposta alla Triennale di Milano.

È stata nominata ambasciatrice mondiale del design italiano nel 2017 durante “Italian Design Day”, iniziativa promossa dalla Triennale di Milano in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Da allora ha partecipato a riunioni a Zurigo e Roma / Farnesina 2018. Lo stesso anno, in occasione dell’evento “White in the City”, promosso da Oikos e curato da Giulio Cappellini, ha contribuito con Alessi al progetto / installazione “L’esercito delle spazzole”. Nel 2017 è stata premiata con il “Best Emerging Designer Award” al Salone del Mobile – “Salone del Mobile Milano Award”. Nel 2018 è stata nominata Ambasciatrice di Brera Design District per FuoriSalone in occasione del Salone del Mobile di Milano e per questa circostanza ha progettato un’installazione per Timberland nel cuore del quartiere. Le opere di Elena Salmistraro sono state esposte nelle principali fiere del settore del design italiano e internazionale, tra cui Salone Internazionale del Mobile (Cosmit-Milano), Step 09 (Milano), Maison & Objet-Parigi, Homi, Marmomacc (Verona), Cersaie (Bologna), Arredamento Stoccolma e fiera della luce (Stoccolma, Svezia).

 

Elena Salmistraro – Sito ufficiale 

 

 

Commenti

commenti