Il colore esplosivo di Katharina Grosse

Katharina Grosse è un’artista nata a Freiburg nel 1961; vive e lavora tra Düsseldorf e Berlino, dove ha sede il suo atelier.

Il lavoro di questa artista, tra le più interessanti della scena contemporanea internazionale, si caratterizza prevalentemente per il rapporto che ha con la creazione dell’opera; le modalità di realizzazione delle sue opere ci riportano infatti all’action painting, portata però su una nuova scala, più tridimensionale e di grande impatto.

Lo strumento prevalentemente usato da Katharina Grosse è infatti un diffusore di colore spray a compressione; oggetto che le permette di ricoprire grandi superfici con il colore, consentendole così di creare opere dalle dimensioni notevoli e di intervenire totalmente sullo spazio prescelto per l’installazione dell’opera.

La sua ultima realizzazione, installata in occasione della Biennale di Venezia 2015, ne è un esempio: l’artista è intervenuta sullo spazio, realizzando un’opera site specific che è letteralmente un esplosione di colore. Detriti, tessuti e tinte colorate si fondono nello spazio, senza soluzione di continuità, dissolvendo ogni contorno.

Il colore esplosivo di Katharina Grosse  Il colore esplosivo di Katharina Grosse

Ogni colore viene scelto dall’artista in base all’emozione del momento, ma anche in relazione allo spazio nel quale l’opera andrà installata: un processo totalmente emozionale, come si evince anche dalla modalità stessa con cui le opere vengono realizzate. Katharina indossa una tuta ermetica e si immerge nello spazio, isolandosi dall’esterno il più possibile: spesso indossa anche degli auricolari per non farsi condizionare dai rumori presenti nell’ambiente. Persino la scelta di utilizzare lo spray è voluta dall’artista per allontanarsi ulteriormente dallo spazio circostante, evitandone il più possibile il contatto, ad eccezione dell’unico inevitabile: camminarci.

I suoi interventi spesso durano parecchi giorni, finché non sente di aver rivestito le diverse superfici -spesso tratte dalla sua vita reale, come ad esempio i mobili della sua stessa camera da letto o sassi da lei raccolti- non hanno acquisito quella che l’artista definisce come una “nuova pelle”.

Il colore esplosivo di Katharina Grosse

Fonte immagini: Katharina Grosse

 

Commenti

commenti