Igor Imhoff – L’importanza del colore nell’ animazione.

Igor Imhoff è un artista italiano. Nato a San Giovanni Rotondo (FG), cresciuto a Manfredonia e veneziano di recente adozione.

Igor, come si intuisce dal cognome, ha origini russe. Le sue origini sono una delle prime fonti di ispirazione per la sua arte, frutto della rielaborazione visiva e concettuale delle pitture rupestri della provincia di Foggia (vedi quelle presenti nelle chiese di Monte Sant’Angelo e in tutta la zona circostante).

I soggetti che l’artista elabora sono il risultato visivo del suo immaginario. La creatività di Igor prende forma tramite l’elaborazione di figure fisse, che, in un secondo momento, acquisiscono il dono del movimento e dunque dell’azione grazie ai modellatori 3D e allo sviluppo della quarta dimensione, implementata grazie alle nuove tecnologie per l’arte.

 

L’importanza del colore nell'animazione      L’importanza del colore nell'animazione

Il passaggio dalla definizione dei personaggi a quella dell’animazione degli stessi conserva la consequenzialità delle sue fonti di ispirazione, come l’iconografia popolare del graffito, che altro non è che la conseguenza diretta del pellegrino, il quale, approdando nelle chiese, genera pitture, segno e traccia del suo passaggio.

Igor Imhoff, con le sue creazioni incentrate sulla modellazione e sull’animazione 3D, si sofferma su argomenti come i temi relativi all’anno 0; fra questi “Maiali, polli e mucche pazze. Zero”. Video Zero è un corto di animazione dell’autore dove il tema principale è la ricerca affannosa di cibo,  che scaturisce in una patologia che porta all’annientamento delle figure presenti in quest’epoca digitale; si crea così un parallelismo fra gli animali devastati dall’aviaria e gli esseri umani, distrutti da se stessi.

L’importanza del colore nelle opere di animazione.

Igor ci parla del desiderio di portare le immagini a muoversi, senza discostarsi dall’idea di opera d’arte come quadro.

A questa concezione accosta l’utilizzo di rumori, che vengono poi trasformati in notazione musicale, “Ma la musica” – afferma “è una componente molto importante, in assoluto e nello specifico, anche per la mia ricerca, che ha dei punti fissi, come la narrazione e la successione di eventi. Piuttosto che analizzare un’immagine, si tratta di analizzare il fenomeno da più punti di vista”.

Anche il colore diventa fondamentale, portando con sé tutta una serie di codici di associazione dell’immaginario comune, veicolo di concetti indispensabili alla narrazione.

Il colori in questi termini assume un ruolo ancora più importante, perché è subordinato ad un’azione e dunque al rapporto col tempo. Per questo motivo la ricerca cromatica sarà ancora più affinata affinché ogni dettaglio, in relazione ai soggetti e al contesto, possa raccontare il succedersi degli eventi con l’efficacia a cui auspica l’autore.

Font immagini: Igor Imhoff

Commenti

commenti