Non è un letto, non è una poltrona, nemmeno un divano, forse è tutte e tre le cose messe insieme. Si chiama Into-Form ed è la seduta ideata dalla vietnamita Koa Pham, dalla francese Madeleine Duflot e dalla polacca Ana Marcianiak. Le tre brillanti designer si sono conosciute al Central Saint Martins durante la laurea triennale in Product Design e hanno dato vita a Ilco, un nuovo studio di design.

La seduta conta cinque componenti di diverse forme e colori che, come un divertente puzzle, si combinano tra di loro in molteplici composizioni. Into-form può essere riorganizzato e modulato in infinite configurazioni per migliorare l’esperienza di relax dell’utente.

Una volta che i pezzi vengono posizionati, il risultato è una scultura funzionale pronta a essere cambiata quando si presentano nuove esigenze da soddisfare. Insieme ai cinque componenti, l’utente diventa una parte aggiuntiva del puzzle, diventando così parte di una nuova gestalt. Il progetto, infatti, è ispirato dal principio della Gestalt: “l’insieme è più della somma delle singole parti”.

“Puramente scultoreo, puramente funzionale, gioca contemporaneamente su entrambi gli aspetti. Into-form mira a creare un legame emotivo tra l’utente e l’arredamento usando l’arte come strumento. Le molte possibilità e l’aspetto effimero di ogni creazione, insieme alla natura interattiva e partecipativa del lavoro, dovrebbero stimolare l’empatia verso i mobili e aumentare la creatività e le emozioni, consentendo una connessione tra il soggetto e l’oggetto nel tempo e quindi una migliore durata per l’ultimo”.

Il trio Ilco su Instagram 

Commenti

commenti