Katsuyo Aoki, nata a Tokyo nel 1972 , è una scultrice e ceramista giapponese. A ventisei anni, dopo essersi laureata in pittura alla Tama Art University, si è esibita alla Kanagawa Prefecture Gallery”, la galleria d’’arte pubblica più famosa di Yokohama. Questa grande occasione le ha permesso di far conoscere, per la prima, volta il suo talento e le sue opere artistiche. Tre anni più tardi, finita la specializzazione in ceramica, realizza la sua prima esposizione personale che le permette di varcare le soglie di saloni e musei di fama internazionale. Tra questi il Taro Okamoto Museum of Art di Kawasaki, il Saison Museum of Contemporary Art di Karuizawa, ma soprattutto la Jane Hartsook Gallery di New York, uno dei trampolini di lancio più ambiti dai ceramisti di tutto il mondo.

Particolare ricordare la collezione Predective Dream, ispirata al culto messicano dei teschi colorati e composta da una serie di teschi realizzati in ceramica finemente lavorati. I teschi della tradizione messicana esorcizzano la morte con colori vivaci ed eclettici e sono spesso decorati con fiori, farfalle, ragnatele. L’artista rielabora, in porcellana e in versione monocromatica, la visione di questo culto.

Le straordinarie opere di Katsuyo Aoki sono ricche di dettagli e idee, miti e allegorie, che trasmettono serenità e tranquillità. Lontani da qualsiasi macabra visione, i teschi si pongono come un mezzo per dimostrare che, uno dei simboli della morte per antonomasia, con occhi diversi può essere piacevole. Il lavoro di Katsuyo Aoki non si limita alla creazione di teschi, ma punta anche alla realizzazione di oggetti, come lampadari, cornici e corone che, per tradizione, non si realizzano con la ceramica.

“Attualmente, uso la ceramica – scrive sul suo sito Katsuyo Aoki – incorporando vari stili decorativi, patterns e forme simboliche come principale asse nella creazione del mio lavoro”.

“Ogni stile decorativo e forma, cui alludo e che incorporo nel mio lavoro, contiene una storia basata su background storico e idee, miti e allegorie- continua – La loro esistenza al giorno d’oggi ci fa provare varie cose; adorazione, una sorta di emozione romantica, un senso di sterilità, languore e volgarità”.

 

Katsuyo Aoki – Sito ufficiale

 

Commenti

commenti