Si tratta dell’iconica poltrona Soriana, disegnata da Afra e Tobia Scarpa nel 1969. Ancora oggi è tra gli oggetti di design più ricercati di tutto il mondo.

Lo stile inconfondibile dei due architetti e designer si compone da sempre di grande modernità ed eleganza. I loro lavori si contraddistinguono per la particolare raffinatezza e versatilità. 

Soriana

La storia della poltrona Soriana

Le sue curve avvolgenti le fecero vincere nel 1970 il Compasso d’Oro. 

Una delle principali caratteristiche era la sua imbottitura realizzata con il poliuretano espanso. Grande novità per l’epoca e destinata a rivoluzionare il mondo dei divani e delle poltrone. Questo tipo di imbottitura permetteva di creare una seduta soffice, in grado di avvolgere il corpo di chiunque si sedesse.

Le linee morbide, il rivestimento ricercato fissato da una grande morsa metallica, caratterizzano da sempre questo originale pezzo di design.

Qual è la novità?

Soriana, viene riproposta utilizzando per la prima volta materiali ecosostenibili. Questo per cercare di creare il minor impatto ambientale possibile, mantenendo però il suo comfort e la sua autenticità. Oggi, la struttura della poltrona è costituita da una serie di sacche riempite con una schiuma a base organica. Oltre ad essere biodegradabile, questo materiale è anche molto resistente e adatto ad un uso a lungo termine.

La nuova versione della poltrona Soriana offre inoltre un maggiore comfort grazie alla moderna imbottitura in fibra soffiata, realizzata con materiale 100% riciclabile. La nuova poltrona è disponibile anche in diverse versioni come: chaise-longue, pouf e divano a due o tre posti.

Per questa moderna versione sono inoltre state create delle speciali combinazioni di colori e di tessuti, per rendere Soriana versatile e adatta ai diversi stili e ambienti. Per soddisfare anche gli amanti della poltrona originale è stata realizzata una versione che ricorda inequivocabilmente la storica Soriana.

Credits: Interni Magazine

Commenti

commenti