Dietro il nome di Stephen Wiltshire si nasconde una grande storia e un talento a dir poco straordinario. Stephen Wiltshire riesce a disegnare, attraverso la sua memoria, le mappe delle città in modo dettagliato dopo averle viste dall’alto, in elicottero, per qualche decina di minuti. Londra, New York, Città del Messico, Singapore, Roma e ancora tante altre grandi città sono state riprodotte su carta da Stephen Wiltshire. La sua capacità è ancora più straordinaria se pensiamo che questa persona presenta particolari difficoltà di comunicazione. L’artista, infatti, è affetto dalla sindrome di Asperger, un grave disturbo pervasivo dello sviluppo appartenente alla stessa famiglia dell’autismo. La vita di questo artista è stata raccontata da un lungo servizio televisivo realizzato dalla BBC.

Stephen Whiltshire, nato a Londra, classe 1974, ha sviluppato la sua grande passione per l’arte da giovanissimo. Rimasto muto a causa dell’autismo fino all’età di cinque anni, rivolse tutte le sue attenzioni al disegno. Furono le sue insegnanti ad accorgersi del suo grande talento. Stephen, infatti, era in grado di riprodurre, senza tralasciare nessun dettaglio, i monumenti che vedeva durante le gite scolastiche.

Le maestre capirono immediatamente che al bambino bastavano pochi minuti per fotografare dettagli di oggetti, edifici, monumenti e riprodurli utilizzando esclusivamente la forza della memoria. Così, un giorno, decisero di prendergli una penna e un foglio di carta. Lo costrinsero a chiedere quegli oggetti: “penna” e “carta” furono le sue prime parole. Con la morte di suo padre, a causa di un incidente stradale, l’autismo di Stephen peggiorò, ma le sue doti non andarono disperse grazie a sua sorella che lo seguì costantemente.

La stampa locale rivolse sempre di più il suo interesse verso quel bambino così speciale. Proprio grazie all’interesse dei media Stephen Wiltshire cominciò a far conoscere la sua arte. Stephen ha venduto il suo primo lavoro a soli sette anni. All’età di otto ha ricevuto la sua prima commissione, da parte del ministro britannico, per riprodurre su carta la cattedrale di Salisbury. Inizia a viaggiare proprio in quel momento riproducendo le città che visita come Venezia, Amsterdam, Leningrado e Mosca. Ha realizzato anche disegni panoramici lunghi fino a 10 metri di città come Tokyo, Hong Kong e New York, dopo solo pochi minuti di volo in elicottero. Una delle opere più celebri dell’artista è un panorama della città di New York esposto all’aeroporto internazionale JFK –Terminal 1.

Oggi i suoi lavori, famosi in tutto il mondo, vengono esposti in una serie di importanti collezioni. Nel 2006, Wiltshire è stato nominato Membro dell’Ordine dell’Impero Britannico per i suoi servizi e lavori svolti in ambito artistico. Nello stesso anno, ha inaugurato una mostra permanente alla Royal Opera Arcade di Londra.

 

 

Commenti

commenti