Tag "arte"

Arte-Terapia di Barbara Merciari

L’Arte-terapia è quella disciplina che usa il materiale artistico e il processo creativo come percorso di cura. Come arte-terapeuta creo uno spazio protetto, l’Atelier, che è un vero e proprio setting in cui il cliente possa sentirsi tutelato e libero di rappresentare tutto ciò che gli viene in mente. La produzione non deve avere valore estetico, non viene mai giudicata qualitativamente, ma accolta come un messaggio che proviene dalla parte interna più

Moda e arte: Paris Fashion Week FW 2019/20

Tecnologia all’avanguardia, produzioni di altissimo livello e tante installazioni artistiche. Non stiamo parlando dell’ultima mostra digitale, ma delle sfilate di moda della Paris Fashion Week che hanno visto sfilare le collezioni autunno/inverno 2020. Troviamo Sharna Osborne sul set della sfilata firmata Miu Miu. L’artista britannica ha realizzato un mix di elementi, dalle vecchie foto di campagne del brand a videoclip psichedelici. Virgil Abloh ha scelto una grande scacchiera per presentare

Vasi con radici: l’idea di Tim Van De Weerd

Il designer olandese Tim van de Weerd ha firmato il ‘Monstera’. Si tratta di un vaso che, con un piccolo gioco di design, sposta le radici ai suoi piedi. Van de Weerd stesso ha spiegato il concetto che si nasconde dietro la produzione di questo prodotto: “Il design mostra un’affascinante tensione tra immobilità e movimento e tra organico e industriale”. Il designer olandese ha creato due vasi in acciaio che assomigliano

Louis Vuitton: l’installazione di Virgil Abloh

Virgil Abloh, direttore creativo di Louis Vuitton Menswear, per celebrare l’uscita della collezione di debutto Primavera / Estate 2019, ha inaugurato a New York la sua serie di installazioni psichedeliche ispirate a Il mago di Oz, film del 1932. La celebre casa di moda ha chiesto all’artista di realizzare questa installazione che ha trasformato la 5th Avenue di New Yorke Rodeo Drive a Los Angeles. La prima installazione consiste in

La storia della ceramica in Italia (Parte 2)

Seconda parte del nostro piccolo grande viaggio alla scoperta delle scuole italiane della ceramica, regione dopo regione. Nella prima parte vi abbiamo raccontato la storia di Piemonte, Veneto e Toscana. In questo appuntamento, invece, voleremo su altre tre magnifiche regioni: Campania, Puglia e Sardegna. La Campania racchiude una forte e gloriosa tradizione ceramica. Tra i più importanti centri di produzione troviamo sicuramente Vietri sul Mare e Cava dei Tirreni, diventati

Le sculture di ghiaccio di Harbin

Come ogni anno l’Ice Festival di Harbin ha aperto le sue porte per mostrare al pubblico i suoi magnifici edifici di ghiaccio. Harbin si trova nella provincia nord-orinentale dello Heilongjiang, in Cina, al confine con la Siberia. L’Harbin International Ice and Snow Sculpture Festival ospita oltre 100 strutture progettate per l’importante occasione da artisti provenienti da tutto il mondo, e realizzate utilizzando più di 200.000 metri cubi di ghiaccio e neve.

La storia della ceramica in Italia

Abbiamo deciso di accompagnarvi in un piccolo grande viaggio alla scoperta delle “scuole” italiane della ceramica. Analizzeremo e scopriremo la storia di alcune delle regioni italiane che si sono contraddistinte nel tempo per la loro grande maestria nell’arte della ceramica. In questo primo appuntamento andremo in Piemonte, Veneto e Toscana. I principali centri per la lavorazione delle ceramiche in Piemonte sono sicuramente Mondovì e Castellamonte. Fin dall’ ‘800, Mondovì è

Moda e arte: le passerelle più belle

Abiti, modelle, ma anche arte: la Paris Fashion Week 2018 è stata un’autentica sorpresa in fatto di passerelle. Tra installazioni, stupendi palazzi, punti panoramici e ballerini, scopriamo le più belle passerelle di Parigi. Apriamo con Dior, la maison di moda che non delude mai. La collezione primavera/estate 2019 è completamente dedicata e ispirata al mondo della danza. Una spettacolare coreografia, ideata dalla coreografa israeliana Sharon Eyel, ha accompagnato la sfilata

India: le Ferrovie chiamano gli artisti

L’Indian Railways, nome inglese con cui sono note a livello internazionale le Ferrovie indiane, controllate dallo stato tramite l’apposito Ministero delle ferrovie del governo, ha deciso di investire nella cultura chiedendo ad alcuni artisti di decorare i treni frequentati da milioni di pendolari. Lo scopo è quello di rimodernare l’intera rete ferroviaria e dare maggiori servizi ai clienti. Per il momento, si tratta solo di un progetto pilota. L’idea è però