Tag "arte"

Spencer Tunik: la nudità come forma d’arte

Spencer Tunik è un fotografo statunitense. Le sue opere superano spesso gli schemi convenzionali, mettendo letteralmente a nudo i protagonisti delle sue opere d’arte. Si è da sempre contraddistinto per la realizzazione di grandi scenografie caratterizzate da figure svestite e spazi ampi che durante le performance prendono le sembianze di vere e proprie tele. Cosa risiede alla base delle opere di Spencer Tunik? Spencer Tunick ricerca la forma, il contorno

Donne e illustrazioni. Cinque artiste a confronto

Cinque donne, cinque artiste straordinarie. In questo nuovo articolo faremo un piccolo viaggio nel mondo delle illustrazioni declinate al femminile. Mondi differenti, visioni contrastanti, intime, tenaci. Incominciamo con Michelle Mildenberg, giovane illustratrice colombiano-francese, cresciuta a Bogotà e vissuta tra Berlino e Londra dove ha studiato design presso l’Università di Los Andes e Central Saint Martins. Tra i suoi clienti WeTransfer e LVMH. Michelle esplora il mondo tecnologico e cerca di capire

Raffaella Carrà, l’omaggio dell’arte

Raffaela Carrà si è solo spostata un po’ più in là. Icona rivoluzionaria, energia esplosiva, un mix di tradizione e avanguardia. Da Trieste in giù a programmi come ‘Pronto Raffaella’ e ‘Carramba che Sorpresa’, ha fatto la storia della televisione italiana. Almeno tre generazioni sono cresciute col suo indimenticabile caschetto biondo. Cantante, conduttrice, ballerina, il suo successo non ha avuto e cercato confini, arrivando in Sud America, in Francia, in

Le ceramiche di Brian Rochefort

Brian Rochefort (1985) vive a Los Angeles. Le sue opere mescolano caos e ordine. L’artista trova grande ispirazione dai suoi innumerevoli viaggi ed è così che, sulle sue sculture in ceramica, troviamo foreste, barriere coralline, elementi naturali, piumaggi di animali esotici. Ma un occhio più attento può facilmente notare anche elementi riconducibili a Mitchell, Oehlen, de Kooning, pittori astratti che ispirano un modo nuovo di fare ceramica. Le opere d’arte

Oscar 2021: sette artisti reinterpretano l’iconica statuetta

La 93esima edizione dei premi Oscar si è tenuta in diretta dal Dolby Theatre di Los Angeles e dalla Union Station, due mesi dopo rispetto a quanto previsto, a causa della pandemia. Per l’importante occasione l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha celebrato l’amore per il cinema con la campagna “Bring Your Movie Love”. Sette artisti di fama internazionale hanno dato la loro personale interpretazione dell’iconica statuetta rispondendo alla

JR a Palazzo Strozzi

L’installazione di JR, artista contemporaneo tra i più celebri al mondo, propone uno squarcio visivo sulla facciata di Palazzo Strozzi, simbolo del Rinascimento fiorentino, che si apre alla visione di un interno reale e immaginato allo stesso tempo. L’opera, intitolata La Ferita, propone una riflessione sull’accessibilità ai luoghi della cultura nell’epoca del Covid-19. Si tratta di un collage fotografico in bianco e nero alto 28 metri e largo 33, un gioco

Arte della ceramica! Intervista ad Annalia Amedeo

“La dualità dell’essere e dell’apparire, dello svelato e del celato, della gioia e del dolore, sono aspetti in divenire di un unico perenne ciclo di trasformazione che interessano il mio lavoro artistico. Amo da sempre l’argilla per questa sua intrinseca capacità di trasformazione e per la memoria ancestrale che porta con sé e che riesce a trasmettermi. Le forme che creo, la materia che plasmo, diventano così una testimonianza ed

Unmet, il colore dietro le sculture

L’artista Christina A. West, nata ad Atlanta, realizza sculture d’arte contemporanea con l’intento di riflettere sulle dinamiche create dai rapporti interpersonali. Le sue opere coinvolgono gli spettatori sia come voyeur che come soggetti fondendo i ruoli di attore e pubblico e interrompendo l’illusione di uno sguardo unilaterale onnipotente. La serie , UnmetUnmet – una serie di figure umane e busti – ruba l’ispirazione dall’arte classica, ma alle opere mancano delle

Illustratori a confronto

È un vero e proprio incontro artistico e culturale quello tra Raphael Urwiller e Mayumi Otero, in arte Icinori, illustratori e designer uniti sia nel lavoro che nella vita privata. Lui è francese, lei giapponese, e il loro stile è delineato dalla brillante unione delle loro origini. Il risultato è una serie di illustrazioni magnifiche, accattivanti, dai colori sgargianti, che raffigurano paesaggi sognanti. I loro lavori, ormai noti in tutto