Tag "street art"

Skatepark: tra arte, colori e skate culture

Gli Skatepark, con il passare del tempo, sono diventati luoghi d’arte grazie all’intervento di molti street artist. Ne abbiamo scelti tre. Quelli che, secondo noi, sono i più interessanti e, ovviamente, i più colorati. Partiamo dall’ultima creazione dell’artista anglo-nigeriano Yinka Ilori. Ci troviamo a Lille, e più precisamente al Skatepark Colorama, che si trova all’interno del centro culturale La Condition Publique, magazzino ristrutturato dall’architetto Patrick Bouchain nel 2004. L’artista ha scelto di portare i colori

Il Coronavirus raccontato dalla Street Art

L’arte non resta a guardare e continua a raccontare la realtà a modo suo. Artisti di ogni parte del mondo si sono mobilitati per rappresentare da diversi punti di vista il Coronavirus attraverso le loro opere. In questo articolo abbiamo raccolto le immagini delle creazioni più interessanti. Si chiama Sweet Home e ritrae la celeberrima famiglia Simpson al completo, seduti sul divani davanti al televisore, e muniti di mascherine. L’opera

Street art: i giganti di Ella & Pitr

Amano farsi chiamare Les Papiers Peintres e sono francesi. Stiamo parlando dell’ormai famoso duo Ella & Pitr, coppia di aerial street artist. I due si sono incontrati per caso nel 2007 e hanno immediatamente percepito una forte affinità artistica. Lei, attrice comica. Lui, street artist. L’incontro è avvenuto per le strade di St. Etienne, in Francia, mentre cercavano un posto dove attaccare uno dei loro disegni manifesto. Da qual momento

L’arte psichedelica di Felipe Pantone

Felipe Pantone è un artista argentino-spagnolo. Ha iniziato a fare graffiti all’età di dodici anni. Si è laureato in Belle Arti a Valencia (Spagna), dove ha sede il suo studio. Il lavoro di Pantone si occupa di dinamismo, trasformazione, onnipresenza e temi legati ai tempi attuali. Il suo lavoro è stato esposto in tutta Europa, America, Australia e Asia. Le opere firmate da Felipe Pantone evocano uno spirito di collisione

India: le Ferrovie chiamano gli artisti

L’Indian Railways, nome inglese con cui sono note a livello internazionale le Ferrovie indiane, controllate dallo stato tramite l’apposito Ministero delle ferrovie del governo, ha deciso di investire nella cultura chiedendo ad alcuni artisti di decorare i treni frequentati da milioni di pendolari. Lo scopo è quello di rimodernare l’intera rete ferroviaria e dare maggiori servizi ai clienti. Per il momento, si tratta solo di un progetto pilota. L’idea è però

Omar Hassan, l’arte dei pugni

Omar Hassan, classe 1987, è un artista contemporaneo nato a Milano da madre italiana e padre egiziano. Già prima di diplomarsi all’Accademia di Belle Arti di Brera, ha acquisito una certa notorietà cimentandosi con la street art, sperimentando la pittura per le strade della sua città. Nel 2011 espone alla Biennale di Venezia e diventa celebre tra i collezionisti di tutto il mondo. Tra i suoi ammiratori troviamo anche il

L’iperrealismo di Patrick Commecy

L’artista francese Patrick Commecy, in collaborazione con la squadra A-Fresco, di cui è l’art director, regala un nuovo volto alle tristi facciate degli edifici cittadini. I palazzi si animano raffigurando scene di vita quotidiana, film e celebri attori, personaggi della storia, della letteratura e del teatro. Non mancano raffigurazioni di lavandaie, cavalieri, musicisti, panettieri, giornalai, postini, operai e bambini o, altre volte, di persone che un tempo abitavano quei palazzi,

La street art colora la periferia di Napoli

La Street Art colora Ponticelli, grigio quartiere della periferia est di Napoli, il territorio più giovane per demografia tra i dieci della conurbazione partenopea e con il più alto tasso di dispersione scolastica e disoccupazione. Il Parco dei Murales, un vero e proprio museo a cielo aperto, è un programma di creatività urbana, tra riqualificazione artistica e rigenerazione sociale. Il progetto è condotto con la partecipazione della comunità residente e

La street art psichedelica di Hoxxoh

Si chiama Douglas Hoekzema, vive a Miami e crea ipnotici e psichedelici murales. È noto come Hoxxoh e ha trasformato molte pareti della sua città in caleidoscopici portali. Utilizza colori forti e intensi per realizzare quelli che sembrano dei giganteschi Mandala. Energia, potenza, vitalità e armonia sono le caratteristiche principali delle sue opere, riconoscibili e astratte. “Come con la parete e i pensieri, cerco di trovare infiniti significati e prospettive