Di solito sono l’ultima cosa che si sceglie quando rimoderniamo o arrediamo per la prima volta la nostra casa. Parliamo delle tende, elemento d’arredo fondamentale per valorizzare e completare la decorazione di una stanza. La funzione delle tende, ovviamente, non è puramente estetica, ma giocano un ruolo molto importante all’interno della casa: filtrano la luce del sole, proteggono la privacy e possono contribuire all’isolamento termico e acustico della stanza. Scegliere un tenda significa cambiare volto alla stanza, darle personalità, un nuovo carattere. Dunque, scegliere il giusto modello, diventa di fondamentale importanza.Ma come sceglierle senza incappare in fastidiosi errori?

Prima di tutto bisogna tener presente diversi aspetti e, di conseguenza, regolare la vostra scelta: la dimensione della stanza, l’esposizione alla luce naturale, il colore delle pareti e l’arredamento. Il colore delle tende è di fondamentale importanza, in quanto ha la capacità di creare un’atmosfera differente e di filtrare la luce naturale in modo diverso. Partiamo, quindi, dalla scelta dei colori.

Tende nei toni bianchi e naturali

I colori chiari trasmettono una sensazione di luce, eleganza e pulizia. Stanno bene in tutti gli ambienti e permettono un passaggio di luce maggiore. Se cercate un’atmosfera luminosa e la sensazione di un’ambiente più spazioso, i toni bianchi e naturali fanno al caso vostro.

Tende nei toni del marroni

Il toni della terra rasserenano e infondono sicurezza. Lo sapevate? Ma fate attenzione alle tonalità. Il beige e il tortora stanno bene anche in ambienti poco luminosi, invece, i toni più forti, sono da evitare se la stanza in questione soffre la mancanza di luce.

Tende nei toni del giallo, arancione e rosso

Giallo, arancione e rosso sono colori energizzanti e, per questo motivo, adatti per cucina, soggiorno o stanze dei bambini. Da evitare in camera da letto. Anche qui bisogna fare una distinzione: Il giallo e l’arancione chiaro aumentano la luminosità, mentre l’arancione scuro e il rosso sono adatti per ambienti molto luminosi.

Tende nei toni del blu e del verde

Blu e verdi sono colori che richiamano alla tranquillità. Se avete intenzione di creare ambienti destinati al relax, fanno al caso vostro. Tende nei toni del grigio e nero Sicuramente sono i colori più eleganti e sofisticati, particolarmente adatti per ambienti moderni e con una buona luminosità.

Consigli utili

In generale per le stanze piccole è meglio optare per tonalità chiare, che fanno sembrare gli spazi più ampi, ma se la stanza in questione è molto grande, possiamo scegliere anche colori più scuri. I toni chiari, invece, sono particolarmente indicati per stanze poco luminose, perché permettono alla luce di filtrare. Le tende per la zona notte devono essere coprenti. Per la cucina scegliete stampe divertenti. Ricordate di avere diversi cambi, perché vanno cambiate spesso. Se avete serramenti eleganti potete anche scegliere di non metterle.

Lunghezza

Qual è la lunghezza giusta? Farsele realizzare su misura sarebbe la scelta ideale. Le tende non devono toccare terra, ma sfiorare appena il pavimento, soprattuto se avete un bellissima pavimentazione e intenzione di valorizzarla. Un’alternativa valida è lasciare il tessuto a strascico. La regola importante, in questo caso, è lasciare che la tenda si appoggi sul pavimento per almeno quattro centimetri.

Altezza e larghezza

La larghezza massima del tessuto dipende da quanto si vuole che la finestra rimanga a vista quando le tende sono aperte. Se poi le si impacchetta di lato sul muro, sembra che la vetrata sia ancora più grande. E l’altezza? Meglio che le tende vengano appese qualche centimetro più in alto della finestra. Attenzione: se poi si opta per gli anelli, per calcolare la lunghezza e realizzare quindi l’orlo, bisogna ricordarsi di includere anche la loro altezza.

 

 

 

Commenti

commenti