Continua il nostro viaggio alla scoperta delle regioni italiane attraverso il colore. Dopo avervi parlato del Piemonte, terra ricca di tradizione e bellezza, passionale ed energica come il rosso del suo Barolo, questo è il turno di un’altra bellissima regione.

Quale colore vi salta alla mente se pensate alla Valle d’Aosta? Siamo sicuri che, in questo momento, state pensando al bianco. È quasi impossibile non pensare alla Valle d’Aosta senza immergerci nel bianco della sua neve, che scende e fa sognare, o senza correre tra i vapori delle sue fantastiche terme. Il colore bianco simboleggia il principio della fase vitale ed esprime speranza per il futuro, la fiducia sia nelle persone che nel mondo. È l’emblema della purezza, dei sentimenti nobili e del desiderio di cambiamento. Chi ama il bianco possiede una certa dose di creatività e immaginazione. E come potrebbe la nostra creatività rimanere indifferente dalle alte cime della Valle d’Aosta?

La Valle d’Aosta racchiude alcune delle cime più alte d’Europa: il Monte Bianco, il Monte Rosa e il Massiccio del Gran Paradiso. Courmayeur è la porta che introduce agli scenari del Monte Bianco. Qui troviamo splendidi tracciati panoramici, come quelli di Val Veny e Plan Chécrouit. Tra gli spettacoli imperdibili troviamo le rocce imbiancate del Cervino. Sotto un corno granitico alto 4478 metri, si distende un comprensorio sciistico collegato con gli impianti di Valtournenche e Zermatt, oltre il confine svizzero. A soli 15 minuti di funivia dall’ingresso di Aosta, invece, troviamo Pila che si adagia su una terrazza naturale da cui ammirare le cime del Cervino e Monte Bianco.

Come completare nel modo migliore una giornata sulle vette imbiancate? Non c’è niente di meglio che immergersi nelle acque calde delle terme con lo sfondo delle Alpi. Tra le più apprezzate troviamo le terme di Pré Saint Didier. Sono situate alle pendici del Monte Bianco e beneficiano delle acque calde che sgorgano dalla montagna alla temperatura di 36 gradi. La struttura offre ampie piscine all’aperto, circondate da neve o verdi vallate. Tra le terme più importanti troviamo, a pochi chilometri dal confine con il Piemonte e la Svizzera, anche il complesso termale di Saint Vincent. La sorgente fu battezzata con il nome Fons Salutis perché in grado di curare malattie respiratorie e gastro-interiche. Il centro offre tre piscine interne e una vasca panoramica esterna con acqua a temperatura di 36 gradi, oltre a saune, bagno di vapore, docce emozionali, cascata di ghiaccio e solarium dotato di jacuzzi. Da non dimenticare è il centro termale Monterosa, che troviamo ai piedi della vetta valdostana, nel cuore della Val d’Ayas. Il Monterosa Terme è situato al centro di un panorama mozzafiato. Qui troviamo una piscina marina a 35 gradi, ottima per riattivare la circolazione, un idromassaggio caldo per rilassare i nervi e una piscina esterna nel giardino.

 

Commenti

commenti