Ad Haikou, in Cina, le forme originali di una biblioteca si ispirano ai wormhole, i tunnel spazio-temporali che potrebbero collegare due buchi neri. L’idea nasce da un progetto di riqualificazione urbana. Nel 2019, il governo locale ha lanciato il piano di sviluppo per realizzare nuovi spazi e servizi pubblici. La biblioteca progettata dall’architetto cinese Ma Yansong, è uno dei primi interventi che è stato concluso.

A cosa si ispira la struttura della biblioteca?

Al wormhole, l’entità fisica che, attraverso un tunnel spazio-temporale, collega due buchi neri. 

Certamente l’idea di un edificio ponte che collega i luoghi dell’antimateria è molto suggestiva. 

La biblioteca di Haikou allude a dimensioni diverse, la forma si ispira a nuove geometrie.

È stata costruita gettando il cemento bianco in casseforme eseguite con nuove tecnologie e stampate in 3D. La realizzazione della biblioteca in questo modo, invita a concepire l’architettura in maniera inedita, progettata e realizzata in un ambiente interamente digitalizzato.

biblioteca

L’evoluzione tridimensionale degli spazi non si ferma mai, ogni spazio, ogni assetto, è relativo, pronto per trasmutarsi un una versione contigua e differente. 

La costruzione è stata pensata per essere un unico elemento, come un organo che ricorda quasi un cuore o un polmone.

La parte più importante è senza dubbio quella dedicata alla lettura, sia per le dimensioni in quanto contiene circa diecimila libri, sia per quanto riguarda l’architettura dato che offre ambienti caratteristici. Ne è un esempio l’originale anfiteatro che collega due livelli oppure lo spazio dedicato ai libri per bambini che si trova all’interno di un divertente e particolare labirinto. 

Gli altri ambienti, in un edificio di dimensioni minori, sono ugualmente valorizzati. Come per esempio la terrazza panoramica che offre una vista suggestiva del paesaggio circostante.

biblioteca

La biblioteca di Haikou è senza dubbio un ottimo esempio di architettura moderna che unisce originalità e funzionalità.

 

 

Credits: Interni Magazine

Commenti

commenti