Arredare una casa ha sempre una forte componente personale, quindi, tra le infinite ispirazioni del mondo della decorazione, esistono opzioni che non sono per tutti. I colori fluo sono tra queste!
Per fluo si definiscono quelle tinte dall’impatto decisamente forte e, proprio per questo, possono respingere, ma hanno il potere di cambiare, con poco, il carattere di una stanza.

All’interno della decorazione di una stanza, i colori fluo vanno centellinati, ma, allo stesso modo, si fanno notare portando una sensazione finale tutta differente e rappresentando la via più facile per rimodellare un ambiente.
Farlo con un colore fluo può essere ancora più determinante e basta usarlo su superfici più contenute o, addirittura, soltanto con un arredo.

Ma quando usarli?

L’uso di colori fluo a volte può risultare eccessivamente chiassoso e massimalista in contesti che creano troppo contrasto, come in ambienti total White.
Vero anche che il contrasto può invece risultare vincente quando si inseriscono queste tinte dal sapore ipercontemporaneo dove, invece, domina un eccessivo classicismo, totalmente new classic.
Anche gli ambienti con toni neutri e naturali, se risultano noiosi, possono essere rivitalizzati inserendo un colore vivace, meglio ancora se scelto tra le tonalità più calde.

fluo

Dove usare il fluo?

Le occasioni per inserire un colore fluo sono diverse. Per trovare la soluzione migliore deve essere valutata la superficie che andranno ad occupare: si va da piccoli ambienti, ad elementi tessili sistemabili sul divano.
Possono essere sfruttate pareti, colonne, piccole superfici, pensili della cucina o librerie.

La scala più misurata per l’inserimento di colori fluo in una stanza, va cercata negli arredi e nei complementi. A volte basta inserire una sedia diversa attorno al tavolo, oppure un cuscino sul divano, per portare quella spinta decisiva allo stile di una stanza.

fluo

Un solo consiglio, come per tutto il resto: non abusarne e saperlo dosare!

Credits: Living Corriere

Commenti

commenti